Opera Restaurant, sembra New York ma è Napoli

IP

È il nome che si dà a una produzione teatrale, che sia originale o no; nell’arte rappresenta il frutto del processo creativo, anche di quelli meno universali; stando al vocabolario, è persino termine del settore agricolo, dove indica la manodopera a giornata.

A Napoli, però, il nome “Opera” è associato anche al buon bere e, da qualche mese, al buon cibo. È questo il marchio con cui Vincenzo D’Agosto ha dato vita, insieme ai soci Guido Guida, Ciro Zambardino e Marcello Frungillo, a un luogo unico. Anni trascorsi dietro il bancone di un bar nei due locali di via Solimena e piazza degli Artisti e poi l’upgrade: creare un brand e puntare al food.

ci si aspetterebbe di scorgere Woody Allen a un tavolo, perché l’atmosfera è proprio quella di una New York da cartolina

Trovare un locale simile a questo, in città, è un’impresa ardua. Ci si accomoda nell’ampia sala al pianterreno, sotto un albero di sfere luminose; si può sorseggare un drink “limited edition” al cocktail bar oppure cenare al primo piano, dove si accede con una scala a semi-chiocciola: da lì, la chioma luminosa dell’albero centrale sfiora lo sguardo, e regala intimità e suggestione.

Una volta varcata la soglia, ci si aspetterebbe di scorgere Woody Allen a un tavolo, perché l’atmosfera è proprio quella di una New York da cartolina, quella genuina dei bar e delle notti dal sottofondo jazz, quella dello skyline pieno di luci tremolanti e romantiche. Ma qui non è New York, è Napoli, e “Opera Restaurant” rivendica con forza questa identità territoriale.

Lo fa attraverso la cucina mediterranea dello chef Raffaele Campagnola, storico nome del ristorante Veritas – dove ha lavorato come braccio destro dello stellato Gianluca D’Agostino – e da gennaio in “Opera”. Il suo ingresso in squadra è foriero di un menu terra-mare che passa attraverso delicati tortelli di pasta fresca fatta a mano ripieni di taleggio di bufala e conditi con una genovese che sembra crema da spalmare, tanto è perfetta la sua consistenza; coccio fresco accompagnato da frutti di mare e gamberi; puntarelle a far da contorno all’agnello; i mezzi paccheri con vongole veraci, lupini e broccoli baresi. Delicata – e perfetta per chiudere la cena – la cheesecake al limone con crumble di mandorle.

Vista la sua esperienza, Vincenzo D’Agosto non poteva lasciare al caso la lista dei vini, con la preziosa collaborazione del sommelier Steffen Wagner: 120 etichette, tra bollicine, bianchi, rosati, rossi e passiti. Chicca del menu, la drink list a tema e una lunga lista di tè. Per rifinire l’esperienza del gusto, “Opera Restaurant” ha ritagliato anche uno spazio per gli amanti della musica (jazz, ça va sans dire): di tanto in tanto il locale dedica ai propri ospiti live session da ascoltare (e guardare, perché no: il jazz coccola tutti sensi).

La cornice complessiva di questo quadro è perfezionata da una squadra di professionisti che prende molto sul serio quello che fa. “So di essere stato fortunato – afferma Vincenzo – e non me li lascio di certo scappare”. Non vuole essere un posto come un altro, e non lo è: “Opera Restaurant” è soltanto se stesso, per fortuna.

Siamo stati da:

Opera Restaurant

A Napoli, via Simone Martini, 2.

Info qui.

Si ringrazia l’Ufficio Stampa

Post tags:

facciunsalto.it è un progetto di giornalismo partecipativo nato nel 2013. Si occupa di informazione goliardica con un taglio emozionale. Qui non si trova cronaca, né politica, né attualità, ma contenuti d'evasione, d'introspezione, di leggerezza. Vi scrivono con passione oltre trenta autori, da ogni parte d'Italia e da tante parti del mondo.